4 giugno 2007

W Wilco





I Wilco saranno a Torino il 17 luglio, e per mille motivi non ci potrò andare, maledetto a me. Non so poi cos'abbia di speciale Torino, ma anche i Police saranno lì a settembre e anche in quel periodo avrò problemi di mobilità, visto che sarò impegnato con la promozione del libro su Ilaria Alpi.
Tornando ai Wilco, è uscito ufficialmente poche settimane fa il nuovo disco di questa band che non ho mancato di elogiare o segnalare in passato.
Sky Blue Sky prosegue sul filone melodico di country-rock elettronico (non saprei come definirlo altrimenti) di Yankee Hotel Foxtrot e sopratutto di A ghost is born. Si sente il peso delle parole malinconiche del leader Jeff Tweedy (vedi Either Way), con accellerate seguite da rallentamenti, le strimpellate di chitarra miste ad elettronica. Le mie preferite sono Side with the seeds e Impossible Germany (sembra un tributo alla nazione che ama tanto il gruppo) che potete ascoltare grazie a radioblog qui su. Sul sito comunque potete avere un assaggio di tutti i pezzi dell'album. Enjoy.

4 commenti:

Alberto Rapisarda ha detto...

mi piacciono molto! sono io di bocca buona o sono loro davvero bravi???

Marco Rizzo ha detto...

che loro sono bravi e indubbio, che tu sia di bocca buona lo posso dedurre :)

Anonimo ha detto...

compare, a torino c'è il traffic, che quest'anno pare essere un signor festival.
come al solito da noi non si organizza nulla..speriamo in kals art

Marco Rizzo ha detto...

ciao dariuccio,
al kals art hanno tagliato ulteriormente i fondi, la vedo dura...

Posta un commento