7 giugno 2007

Il segreto di Pulcinella/2

Reportage all'ufficio elettorale e tra i candidati che denunciano
Sono stati avanzati dubbi su 50.000 schede bianche o nulle
Ecco i brogli di Palermo
Voti spariti, video su Repubblica Tv
Il governo risponde al candidato sindaco del centrosinistra Leoluca Orlando
di CATERINA PASOLINI

ROMA - Un video su Repubblica Tv racconta i misteri delle ultime elezioni di Palermo. Illustra gli errori e i brogli alle elezioni amministrative, le sparizioni, le decine di verbali rigorosamente e desolatamente in bianco, la delusione di chi, candidato, aveva votato per sé portando in sezione tutta la famiglia e nell'urna non ha
trovato neanche un voto a suo nome. Autrice è Dina Lauricella che per giorni ha
viaggiato nelle circoscrizioni e all'ufficio centrale di Palermo, ha filmato e intervistato elettori delusi e candidati insoddisfatti di entrambi gli schieramenti derubati di voti, navigando tra burocrazia e denunce, tra ricorsi e inchieste, tra avvocati e cittadini scorati, fotografando immagine dopo immagine i voti perduti, cambiati, i verbali corretti, imbiancati, incollati. E proprio questo pomeriggio il governo risponderà all'interpellanza presentata da Leoluca Orlando, candidato sindaco sconfitto, e da altri cinquanta parlamentari su possibili brogli alle ultime elezioni che hanno rinnovato il consiglio comunale e visto vincere a Palermo il forzista Diego Cammarata tra 50mila schede bianche e nulle. Proteste e denunce che non arrivano solo da esponenti dell'Unione, ma anche da candidati vicini a Forza Italia che hanno visto sparire i loro voti, quelli sicuri, quelli che proprio loro avevano messo nell'urna. Neanche fosse un film di Totò. "Ero venuto a votare con la mia famiglia. Nel mio seggio alla fine per me non c'era neppure un voto, neppure quello sicuro che mi ero dato io", dice scandalizzato Pietro Garofalo, candidato della lista Vizzini per Palermo del centro destra.

Voti certi, voti spariti ma non solo. "Anch'io ho controllato, nel mio seggio era scomparso persino il mio di voto senza contare che in decine di verbali non c'era il mio nome, o era sbagliato, in alcuni ero diventata addirittura un uomo", sbotta Cristina Matranga della lista di Orlando. Ma se chi ha votato ha visto il suo voto sparire nel nulla, c'è anche chi è stato respinto alla porta e non ha potuto neanche provarci ad esprimere la sua preferenza. Come racconta nel filmato Michele che quando si è presentato al seggio 395, documenti alla mano, ha avuto un'amara sorpresa: "Qualcuno aveva già votato al posto mio, mi hanno detto che avevo già votato e che quindi non c'era nulla da fare". Tranne scoprire chi era il sosia. Uno nessuno e centomila. Voti che appaiono, scompaiono e si moltiplicano in favore di un candidato piuttosto che un altro. Come nel caso in cui si è scoperta stranamente l'identica grafia su oltre 260 schede di elettori diversi che quindi, a rigore di logica e di legge, dovrebbero avere una scrittura non simile. A meno che a vergarle non sia stata la stessa mano consegnandole già pronte al pigro elettore.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grafica sempre più bella, l'idea di fare una presentazione stile vocabolario, poi, è geniale :)
-Brendon

Fabrizio ha detto...

Insomma, alla fine le invalidano 'ste elezioni o no?
Io non mi pento mai abbastanza di non aver lasciato l'Italia.

Anonimo ha detto...

Mi domando se finirà Tipo servizi delle Iene con il 30% dei deputati che faceva uso di stupefacenti ?
O come, Uccidete la Democrazia.

Bolla di sapone?

Speriamo di no.

Max

Marco Rizzo ha detto...

Orlando già lamenta di essere stato abbandonato dai compagni di coalizione.

x Fabrizio: se fossi in te me ne pentirei! :P

x Bre: tnx :)

Posta un commento