5 aprile 2008

Sassari

Mai stato prima in Sardegna, e devo dire che ne sono rimasto tanto affascinato che ci tornerò sicuramente. Cittadine tranquille e in fase di riqualificazione, entroterra pieno di verde, mare splendido (e dire che sì, sono abituato bene).

Sassari è una bella città, il centro storico è un cantiere a cielo aperto. Viuzze che si arrampicano su e giù sulle collinette e si aprono su delle belle piazze. E poi c'è una via dal nome misterioso:

Nonostante la straordinaria media di belle ragazze, mi ha fatto desiderare di cavarmi gli occhi una sosia (ancora più) vecchia di Cher che usciva da questa auto:

L'incontro è andato bene, c'erano più di trenta persone, tutte coinvolte e interessate, buon risultato visto l'orario infelice e la giornata a metà settimana. Essendo all'interno dell'Università (Scienze Politiche), come prevedibile si è parlato più che altro del caso Alpi o della "curiosità" di trattare certi temi a fumetti.

Erano presenti anche amici come Bruno Olivieri (che ha scattato la foto qui su e quella qui sotto), avventuratosi da Cagliari per venirci a trovare, e Bruno Enna, un gentleman. E un altro vero gentleman, non smetterò mai di dirlo, è Emiliano Longobardi, che mi ha ospitato, scarrozzato e trattato da signore, e a cui va il mio pubblico ringraziamento, mentre a voi lettori va il mio sguardo truce.

10 commenti:

nerosubianco ha detto...

E adesso tocca a me!!!! : )
ne resterà soltanto uno di parruccone!!!
eh eh!

Anonimo ha detto...

Un bell'incontro e un'occasione per parlare della nostra amata/odiata Italia (oltre che di fumetti e cronaca e altre amenità simili). Grazie per il gentleman, anche se la mia vera natura la esprimo solo dopo un paio di bottiglie di mirto.

Spero di rivederti presto!

Bruno Enna

Cisca ha detto...

VOGLIO QUELLA MACCHINA!!!!

nerosubianco ha detto...

nomination arrivate! : )

emo ha detto...

riguardo Bruno, basta anche un bicchiere di birra :asd:

Anonimo ha detto...

Ehm! Mi sa che Emo ha ragione.

Bruno E.

INFINITO ha detto...

Decisamente DISGUSTATO...

E' davvero incredibile come un incontro FLOP (appena 30 persone, in una qualsiasi fumetteria di Roma al venerdi' pomeriggio si trovano sicuramente piu' persone in contemporanea) venga spacciato come un grande incontro.

Onestamente Rizzo e' un bel volpino, ha "scritto" un fumetto su un argomento di cronaca noto per far parlare di se, invece di creare qualcosa di nuovo ha semplicemente preso un fatto reale e l'ha raccontato senza niente aggiungere al personaggio e alla vicenda.

Onestamente se voglio la storia della Alpi sotto forma di intrattenimento spendo 2 euro e mi noleggio il DVD del film, altro che fumetto. E ci troviamo di fronte ad un volume dove le pagine di fumetto sono davvero poche in rapporto alle pagine dei redazionali.

Marco Rizzo ha detto...

senti, qua non sei il benvenuto con le tue sparate. Non sei stato chiamato in causa e mi sento in diritto di cancellare ogni altro tuo futuro commento qui in casa mia.

Mi permetto di annotarmi il tuo parere sul fumetto, che sono certo non avrai letto, come è stato per Mono quando ti sei lasciato andare in accuse infamatorie. Come sicuramente non avrai letto dove si è svolto l'incontro e in che condizioni. Metterò la tua opinione affianco alle tante recensioni positive raccolte in questi mesi, giusto per riderci un po' su.
Ad maiora.

INFINITO ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

30 persone da noi, con il bel tempo e quell'orario è un enorme successo.

Il mare è vicinissimo e spesso si va in automatico in spiaggia, poi ci si interroga: "cosa dovevo fare oggi? ... ah ... vabbé alla prossima"

Posta un commento