29 gennaio 2008

Sciacalli

Se nel resto dello stivale presto o tardi ci toccherà tornare a votare (per chi ancora ne ha sinceramente voglia), qui in Sicilia oltre alle nazionali, ci tocca inevitabilmente votare alle regionali. Ritornerà quindi a muoversi la macchina delle promesse elettorali della Regione Sicilia. Un'azienda dedicata all'assistenzialismo di alto profilo con 15 mila dipendenti (ogni sei un dirigente, ogni due un capoufficio) che mette in moto i "concorsi" durante i comizi e i festini elettorali. Immaginate dunque l'imbarazzo degli uomini politici dell'Isola davanti la possibilità di scegliere tra la candidatura alla prestigiosa e ben remunerata poltrona in Parlamento (specie con questa legge elettorale, specie a destra) e lo scranno a Palazzo dei Normanni costruito sui teschi dei futuri forestali. Ma non tanto di quei politici "a spasso" (che poi sono veramente pochi). Ma addirittura di chi un posticino al calduccio ce l'ha già. Sindaci e presidenti di Provincia, anche con solo uno o due anni di lavoro alle spalle, in tutta la Sicilia scalpitano per potersi candidare. Dimettendosi. Le voci sono sempre più insistenti, stamattina La Sicilia e l'Ansa hanno confermato in parte quello che si dice in giro. Sindaci come Scapagnini di Catania, Cammarata di Palermo e Fazio di Trapani pare che siano disposti a dimettersi per far partire un gioco di scambi di poltrone. Musotto lascia la provincia di Palermo per il Senato e lo sostituisce Cammarata. Fazio mira al Senato ma si accontenterebbe anche della Regione... insomma, stando a sentire quelle voci, sembra di vedere tanti sciacalli che si fiondano sul cadavere della dignità politica. Sciacalli-cecchini che puntano alle palle degli elettori, costretti magari ad andare a votare tre volte, ma sopratutto puntano a stipendi più alti. O in certi casi a quel ferro dietro la porta che è l'immunità parlamentare.
A proposito. L'immarcescibile imperatore D'Alì non si smentisce neanche stavolta. Pare che si sia ricordato di essere anche senatore, oltre che presidente della provincia di Trapani, e pare che per un'assurda legge del nostro ordinamento, non è possibile, da presidente di provincia, candidarsi a senatore. Chiaramente (?), è possibile da senatore candidarsi a presidente di provincia. Si tornerebbe a votare (dopo meno di due anni) di nuovo alla Provincia, per magari vedersi spuntare di nuovo D'Alì fra qualche anno, se le voci che circolano sono vere (e mi auguro di no, perché sarebbe l'ennesima palese presa per i fondelli e dimostrazione di arroganza). Di certo c'è un bel movimento, che porta chi ha paura di restare scoperto nei prossimi anni, vista la concomitanza di regionali e nazionali, a farsi due conti in tasca. E di farsi beffa degli elettori.

PS: Se qui su mi riferisco solo ad esponenti di Forza Italia (o Partito del Popolo della Libertà della Fregna della Scamorza o come minchia si chiama adesso), giuro, giuro, è solo dovuto al caso. Dopotutto non c'è molta scelta da queste parti.

7 commenti:

Claudio ha detto...

mi sembra di assistere ad una partita di Tetris....

Marco Rizzo ha detto...

a me pare quel gioco da festa delle medie dove ci sono tante poltrone, la musica, e quando si ferma la musica bisogna scambiarsi i posti... poi c'è sempre il fissa che resta in piedi, ma quello è un altro discorso...

nino ha detto...

io sono il fissa...ahahah...naturlamente skerzo...cmq sta storia di fazio non sembra cosi fondata...staremo a vedere...

Marco Rizzo ha detto...

infatti quella è la voce più debole... non mi sembra nemmeno tanto da lui.

Marco Rizzo ha detto...

il senatore invece anche in provincia ormai lo danno per scontato...

Anonimo ha detto...

comunista...tu maarco rizzo fai un uso crimisono del weeeeb

Marco Rizzo ha detto...

un saluto al nostro anonimo amico bulgaro!

Posta un commento